Tel. 0763733174 – Cell. 3341615504 info@teatroboni.it

DIREZIONE ARTISTICA

Tana libera tutti” è il grido a squarciagola dell’ultimo
bambino che salva i “prigionieri” dell’intramontabile gioco
del nascondino. Il Boni si riconosce in questa espressione
perché crede profondamente che il teatro sia una “TANA”, un
rifugio, un luogo protetto, accogliente e inclusivo. Il Teatro
“LIBERA TUTTI” perché permette di sentirsi liberi, di giocare,
di essere felici, di ridere, di piangere, di pensare, di essere
sé stessi e di vivere le proprie emozioni, la fragilità, la vulnerabilità ma anche la forza
per poter uscire dal nascondiglio del quotidiano. “TANA LIBERA TUTTI” dove persone
libere regalano libertà.
La stagione “Tana libera tutti” propone una programmazione diversificata con una
particolare attenzione agli “eventi speciali”. Il Teatro Boni, grazie a preziose
collaborazioni con il Teatro di Tor Bella Monaca con cui da anni ha creato una sinergia
artistica, il Piccolo di Milano, il Teatro D’Europa e tante altre produzioni e distribuzioni,
riesce a creare un’offerta contemporanea, ironica, drammatica e surreale. Una
proposta organica con tante sfaccettature per narrare la varietà, la complessità del
nostro tempo attraverso il Teatro, la Danza e i nuovi linguaggi dello spettacolo dal vivo.
Peccato non esserci !!!

Il direttore artistico

Sandro Nardi


La crisi economica dell’ultimo decennio ha limitato molto le
possibilità per la cultura, sia per la riduzione di investimenti
sia per la limitazione della platea dei potenziali fruitori. Da
ancora prima si dice che il teatro sia in crisi ed è certamente
vero. Vivendo ad Acquapendente però non si ha questa
sensazione. Il Teatro Boni è vivo, con una programmazione
che migliora di anno in anno. La stagione teatrale di
quest’anno è veramente straordinaria per un piccolo teatro come il nostro. Un
ringraziamento all’associazione Te.Bo e al direttore artistico Sandro Nardi è perciò
doveroso per l’eccezionale lavoro prodotto, che ha fatto di Acquapendente e del suo
splendido teatro un luogo di cultura che si rivolge a un territorio senza confini. Una
parte consistente degli spettatori viene da fuori e ci fa molto piacere che ciò avvenga.
Mi auguro che anche tra i nostri concittadini si diffonda sempre di più questa sana
abitudine al teatro, soprattutto tra i giovani, perché l’emozione data dal palcoscenico è
unica ed irripetibile. La cultura non è un lusso ma una necessità e bisogna far prevalere
questa convinzione se si crede ancora che un mondo migliore sia possibile.

Il Sindaco di Acquapendente

Angelo Ghinassi